Nordic Walking Salute  
schiena

Schiena e problematiche posturali

 

Nella pratica del Nordic Walking la successione fisiologica dei movimenti alternati di braccio e gamba opposti e la spinta propulsiva dei bastoncini permette anche un rafforzamento della muscolatura delle spalle e dei pettorali. Sono attivate intensamente le fasce paravertebrali di tutto il rachide, soprattutto nella zona lombare, ed è risaputo che ciò, nel trattamento delle discopatie e delle rachialgie, assume importanza determinante, oltre a questo tutta la colonna vertebrale è sottoposta a una importante mobilizzazione.

Inoltre l’utilizzo dei bastoncini non è di semplice appoggio, ma è funzionale: posti obliquamente, attraverso il lavoro a pendolo del braccio sia in fase di spinta che di recupero, spingendo sul lacciolo si riesce ad ottenere una maggiore ampiezza di passo senza abbandonare la naturale fluidità del movimento, permettendo al bacino una “basculazione” ampia senza sovraccaricare la cerniera sacro lombare (ovvero il passaggio tra la quinta vertebra lombare e la prima sacrale, spesso sede di patologie discali).

Ricerche effettuate in Finlandia ( Anttila e altri 1999) hanno dimostrato che il Nordic Walking ha favorito enormi miglioramenti su persone con danni alla schiena causati da errori di postura. La colonna vertebrale dei soggetti esaminati è diventata più mobile, l’intera muscolatura del busto è migliorata e si è rinforzata, migliorando anche l’irrorazione sanguigna nella parte superiore del corpo.

Le tensioni alla nuca e alle spalle si sono ridotte  e inoltre nel 70% degli esaminati sono spariti i disturbi. E’ per questo che il Nordic Walking è già impiegato in molte cliniche della Scandinavia e Germania come terapia riabilitativa.

Se vuoi consultare alcune delle ormai numerose pubblicazioni medico-scientifiche che sono state pubblicate negli ultimi anni in merito al tema del nordic walking e la salute clicca qui (link)

Se sei incuriosito dal nordic walking e vuoi provare o saperne di più, non esitare a contattarci. Chiedi sempre un parere e un consiglio anche al tuo fisioterapista e al tuo medico curante con cui se sarà necessario il nostro staff si metterà in contatto.

L’attività fisica aggiunge anni alla vita e vita agli anni.